Università Cattolica del Sacro Cuore

Accessi venosi a medio e lungo termine

L’Università Cattolica del Sacro Cuore, per iniziativa della Facoltà di Medicina e chirurgia “A. Gemelli” istituisce, per l’anno accademico 2016/17 il Master universitario di secondo livello in Accessi Venosi a Medio e Lungo Termine.

Il Master universitario di secondo livello ha la durata di un anno accademico per complessivi 60 crediti, pari a 1500 ore.

Il Master universitario in Accessi Venosi a Medio e Lungo Termine ha lo scopo di consentire un perfezionamento delle conoscenze nel campo della indicazione, dell’impianto e della gestione degli accessi venosi centrali a medio e lungo termine, in tutte le loro implicazioni cliniche e assistenziali.

Gli accessi venosi centrali (o cateteri venosi centrali o sistemi venosi centrali) sono presidi - posizionati soprattutto in ambiente ospedaliero - che consentono a tempo indeterminato la somministrazione di farmaci o infusioni endovenose in condizioni di tranquillità e sicurezza. Per renderci conto della importanza del loro impiego, basti pensare che si stima che ogni anno, solo in Italia, vengano impiantati più di 50.000 Accessi Venosi Centrali a lungo termine (tempi prolungati per più di 3-6-mesi).

Tramite questi accessi venosi centrali a medio/lungo termine viene facilitata la somministrazione di svariati trattamenti endovenosi: terapie endovenose (farmaci vasoattivi, antibiotici, nutrizione parenterale, ecc.) in svariate categorie di malati ospedalizzati, come ad esempio i pazienti acuti gravi in terapia intensiva o i pazienti chirurgici nel decorso postoperatorio; chemioterapici per la cura dei tumori, in malati seguiti ambulatorialmente o in day hospital; nutrizione parenterale domiciliare, per garantire la sopravvivenza di soggetti affetti da malattie gastrointestinali gravi o malnutriti; somministrazione di antidolorifici nella maniera più efficace per i malati con dolore da cancro; e così via.

E’ evidente come questo tipo di presidi interessi una grande varietà di situazioni cliniche e coinvolga una notevole eterogeneità di operatori sanitari, appartenenti a discipline e competenze assai diverse (chirurghi, anestesisti, radiologi, oncologi, pediatri, nutrizionisti, nefrologi), la cui preparazione culturale nell’ambito degli accessi venosi è spesso di tipo empirico e autodidattico.

Lo scopo del Master è di consentire agli operatori sanitari coinvolti in questo campo un approfondimento organico, completo, teorico e pratico delle proprie conoscenze, in modo da poter affrontare in prima persona, su basi oggettive e basate sulla evidenza, i multiformi problemi clinici (di indicazione, di impianto, di gestione) posti da questi presidi.

A coloro che avranno ultimato il percorso formativo previsto (frequenza di almeno l’80% delle lezioni teoriche e del periodo previsto di tirocinio) e superate le relative prove di valutazione (prove teoriche e pratiche, discussione di una tesi sul tema degli accessi venosi a medio-lungo termine) sarà rilasciato un titolo di Master universitario di secondo livello in Accessi Venosi a Medio e Lungo Termine.

Elenco ammessi (307,88 KB)

77TA
Accessi venosi a medio e lungo termine
medicina_e_chirurgia
Facoltà di Medicina e Chirurgia
75012
no
75012
Medicina e Chirurgia











Master di II livello
367
Master universitario II livello
Roma
2016/2017